Cookie Policy

Cos'è la "texture": sensorialità del prodotto cosmetico

Vi hanno mai detto qual è la prima regola di un cosmetico?

La prima regola per garantire l’efficacia di un prodotto cosmetico è applicarlo regolarmente! Per questo motivo la texture, ovvero l’insieme delle caratteristiche tattili di un prodotto, è tanto importante.

L’efficacia del cosmetico quindi è data dall’insieme degli effetti funzionali, dati dalle sostanze attive, e degli effetti sensoriali che ne determinano la gradevolezza e la sensorialità ottima per il consumatore e di conseguenza la sua applicazione costante.

Le texture cosmetiche sono molte e sempre in evoluzione, qui sotto riporto uno schema semplice per riconoscere le principali tipologie:

texture cosmetics sensoriali pelle sensibilità crema cosmetica

L’analisi sensoriale di un cosmetico, che comprende l’analisi di gradevolezza della texture, viene fatta in differenti momenti:

PICK UP
è il momento in cui si preleva il cosmetico dal vasetto o dal contenitore in cui è posto.

Se ponete il cosmetico tra l’indice e il pollice e li unite e separate, come vi sembra? È appiccicoso o invece è fondente? Ci vuole molta forza per separare le due dita? Si formano dei fili quando staccate le dita?

RUB OUT
è il momento dell’applicazione. Si preleva un piccolo quantitativo del prodotto cosmetico e lo si spalma con un movimento circolare dolce. Queste sono le sensazioni che potreste provare:
    1. sensazione acquosa: si prova un effetto bagnato durante le prime cinque rotazioni;
    2. sensazione di freschezza: si prova un effetto “fresco” durante le prime cinque rotazioni;
    3. sensazione oleosa: si avverte una sensazione di ricchezza nel prodotto cosmetico ma comunque una scorrevolezza piacevole;
    4. sensazione grassa: si avverte una sensazione di ricchezza nel prodotto cosmetico e una scorrevolezza molto limitata.
    AFTER FEEL
    trascorso qualche minuto dall’applicazione, come percepite il cosmetico? Queste sono alcune delle sensazioni che potreste provare:
    1. sensazione di residuo oleoso: la pelle risulta lucida e non appiccicosa;
    2. sensazione di residuo grasso: la pelle risulta leggermente opaca e si avverte una sensazione di appiccicoso;
    3. sensazione setosa: non si nota nessun residuo, come se non si fosse spalmato nulla. Questa sensazione è propria delle texture silky e watery.

    Il formulatore modula i primi due parametri con la scelta degli olii e l’after feel con la scelta dell’emulsionante, la molecola che permette l’unione e la stabilizzazione della fase acquosa e di quella oleosa nelle emulsioni.

    Il compito del formulatore cosmetico è quindi modulare questi componenti per ottenere una texture e una sensorialità quanto più gradevoli per il consumatore e che permetta a questo di applicarsi il prodotto costantemente, come una coccola.

     

    Federica Cosmast

    Dott.ssa Federica D’Incà - COSMAST Master in Scienze e Tecnologie Cosmetiche

    “Ogni donna ha il diritto di essere bella” - Elizabeth Arden

      Lascia un commento

      Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati